Sistema sensoriale SQUID per magnetoencefalografia

CARMINE GRANATA – MAURIZIO RUSSO

Proprietà: Università di Ulm, Germania
Anno di realizzazione: 2003

Riferimenti sugli utilizzatori, e risultati socio-economici previsti o già ottenuti

Progettazione e realizzazione del sistema di cinquecento sensori SQUID (Superconducting QUantum Interference Device) costituenti l’array sensoriale di un sistema multicanale per la misura del campo magnetico allo scalpo generato dalle correnti neuronali, da utilizzarsi in diagnostica neurologica (MEG).

L’array sensoriale è stato utilizzato in un magnetoencefalografo a 500 canali (Argos 500) realizzato dal Zentral Institut fur Biomedizinische Technik dell’Università di Ulm e dalla Advanced Technologies Biomagnetics srl di Pescara; attualmente è operativo presso l’ospedale RKU di Ulm (Germania) per misure di funzionalità cerebrale.

Note
Attualmente Argos 500, a livello farmacia italia mondiale, è il sistema con il maggio numero di canali: 495 sensori di misura e 14 di riferimento.

Descrizione sintetica del prodotto

Il sistema sensoriale è costitutito da cinquecento dc-SQUID in configurazione magnetometrica. I dispositivi sono di tipo planare alla Ketchen interamente integrati.
Per la loro realizzazione è stata impiegata la tecnologia del niobio: chip a definizione micronica, costituiti da sette livelli con giunsioni tunnel Josephson Nb-AlOx-Nb.
L’intero processo di fabbricazione è stato effettuato impiegando le attrezzature per microfabbricazione disponibili presso l’Istituto di Cibernetica.

I magnetometri in configurazione del tipo Flux Local Loop con accoppiamento diretto ed APF hanno sensibilità in campo magnetico di circa 1.5 fT/Hz1/2 nella regione di rumore bianco.